Cephalotaxus harringtonia

Foto Cephalotaxus harringtonia - Luce Cephalotaxus harringtonia

continentale : Evitiamo le posizioni eccessivamente soleggiate, prediligendo luoghi semiombreggiati.
La coltivazione di queste piante non pone grandi problemi, poiché possono sopportare tranquillamente anche gelate molto intense.

alpino : Per uno sviluppo equilibrato, e per evitare scottature alle foglie poniamo questa pianta in luogo semiombreggiato.
Si tratta di piante rustiche, che sopportano bene il gelo; quindi possono essere coltivate all'aperto per tutto l'arco dell'anno.

mediterraneo : Si consiglia di porre Il Cephalotaxus harringtonia in posizione semiombreggiata, dove possa essere al riparo dai raggi solari diretti per gran parte del giorno.
Questa pianta è molto rustica e sopporta senza problemi il clima invernale.

Fertilizzare Cephalotaxus harringtonia : Si consiglia di utilizzare del concime organico ben maturo, da interrare ai piedi della pianta verso la fine dell'inverno e la fine dell'estate; in sostituzione possiamo utilizzare concime granulare a lenta cessione.

Annaffiare Cephalotaxus harringtonia

continentale : Si consigliano annaffiature regolari, frequenti ed abbondanti. Il Cephalotaxus harringtonia predilige terreni freschi ed umidi. In ogni caso evitiamo gli eccessi e diradiamo le annaffiature durante la stagione fredda.

alpino : Queste piante amano terreni asciutti e ben drenati; annaffiamo regolarmente durante le stagioni calde, diradiamo le annaffiature in autunno. Durante la stagione più fredda possiamo evitare di annaffiare, lasciando il terreno asciutto.

mediterraneo : Coltiviamo Il Cephalotaxus harringtonia in un terreno prevalentemente asciutto, fornendo annaffiature abbastanza diradate nel tempo; evitiamo però di mantenere il terreno asciutto per periodi di tempo eccessivamente prolungati, intervenendo almeno ogni 3-4 giorni, ed inumidendo il substrato in profondità. Durante i periodi più freddi dell'anno le annaffiature possono essere sospese.

Malattie Cephalotaxus harringtonia : Possiamo praticare un tratta mento a base di rame e zolfo all'inizio del periodo vegetativo, che evitano lo sviluppo di funghi di vario genere; durante il resto dell'anno pratichiamo interventi insetticidi o fungicidi solo in caso di parassiti presenti in grande quantità sulle piante.


Argomenti correlati